NO_GLUTINE

Accertarsi sempre che nelle indicazioni in etichetta compaia la dicitura “senza glutine” oppure il simbolo della spiga di grano barrata!

> Per qualsiasi dubbio sugli alimenti in commercio consultare il prontuario dell’AIC (Associazione Italiana Celiachia) o visitare il sito www.celiachia.it.

– Evitare cereali contenenti glutine

Frumento, segale, orzo, farro, kamut, triticale, spelta, e quindi evitare cibi come:

  .   pasta, farina, ravioli, tortellini, semolino, gnocchi, ecc;

  .   pane, pizza, prodotti da forno in genere;

  .   crusca, muesli, fiocchi di cereali, ecc;

  .   cibi infarinati e impanati (pesce, carne, frutta, ecc);

  .   surrogati del caffè (orzo, malto d’orzo, ecc);

  .   alcolici, superalcolici da distillazione di cereali vietati (birra, whisky, vodka,ecc).

Attenzione, evitare anche gli alimenti a rischio contaminazione come:

  .   avena e prodotti da essa derivati;

  .   carni in scatola e trasformate (mortadella, wurstel, salame, ecc);

  .   piatti pronti (lasagne, cannelloni, ecc), sughi pronti, salse e condimenti (besciamella, dado,

      estratto vegetale, ecc);

  .   dolci, di cui non è nota la composizione, come gelati, dessert, caramelle, canditi, gelatine,

      gomme da masticare, ovo maltina, crema di cioccolato, ecc;

  .   lieviti per prodotti da forno.

– Consumare cereali e prodotti vegetali che non contengono glutine

Riso, mais, patate, miglio, grano saraceno, sorgo, tapioca, amaranto, soia e legumi in genere, castagne. Consumare quindi tutti i prodotti da essi derivati, accertandosi che non vi sia alcuna contaminazione. Alcuni esempi:

  .   riso, crema di riso, fecola di patate, gnocchi di patate (con farine senza glutine), fiocchi di mais;

  .   pasta, pane, pizza e prodotti da forno per celiaci in genere;

  .   marmellata, miele, zucchero, creme e budini contenenti farine senza glutine;

  .   latte, yogurt, formaggi e panna;

  .   tutti i tipi di carne, pesce (fresco e surgelato), uova, prosciutto crudo, bresaola, speck;

  .   burro, lardo, strutto, olii, spezie, olive;

  .   vino bianco, rosso, spumanti, bevande analcoliche;

  .   frutta e verdura non trasformate;

  .   conserve sott’aceto o sott’olio;

  .   tè, caffè (non solubile o non contenente orzo, malto d’orzo, segale, avena, grano).

– Attenzione alla preparazione dei cibi in cucina

Dopo l’acquisto di prodotti privi di glutine, è molto importante evitarne la contaminazione durante la loro preparazione in cucina, quindi:

  .   creare una dispensa di cibi privi di glutine ben distinta dal resto dei prodotti alimentari;

  .   non toccare alimenti senza glutine, con mani e/o utensili da cucina entrati in contatto

      diretto con alimenti contenenti glutine, prima di essere accuratamente lavati;

  .   utilizzare carta da forno o fogli in alluminio per coprire superfici che potrebbero essere

      contaminate quando non possano essere pulite accuratamente;

  .   apparecchi come tosta pane, macina cereali, o utensili in legno, devono essere utilizzati esclusivamente per alimenti senza glutine;

  .   non riutilizzare acqua, olio o altri condimenti per la cottura, qualora siano già stati contaminati da alimenti contenenti glutine.